Lettera di Antonella

Caro Angelo,
grazie infinite per la piacevole serata passata, ascoltarti è un piacere, la tua cultura immensa, la tua ironia arriva a tutti…. anche ai milanesi!
IL PRINCIPE, che dire, credo sia tu, la tua assenza più profonda: l’amore per la tua terra, i suoi frutti, i suoi profumi il suo sole. Ecco credo che i veri protagonisti siano loro. Romanzo delicato, quasi una favola che quando finisci di leggerlo pensi: ma io, quando lo incontrerò il mio Rucchino?
Io e Lara siamo state contente di aver conosciuto te e tua moglie (o figlia…!), e se farete un viaggio in Umbria fammelo sapere, il caffè sarà pronto!
A proposito, io nono sono una brava cuoca, ma darò il libro a mia madre, così magari farà un pranzetto come quelli di Cavascura!
Ora partiamo e con me IL BIMBO COI BAFFI!
Un saluto affettuoso
Antonella

Lettera

Gianna mi scrive:
Gentile signor Angelo,
Con gli occhi ancora umidi ho appena chiuso il libro sull’ultima pagina del suo romanzo “Calzini di polvere” e già sento il bisogno di scriverle.
Ci siamo incontrati durante il suo monologo al “Re Ferdinando” di Ischia porto nell’aprile scorso e, dopo le sue parole e il suo libro, io e mio marito ci siamo accorti, con piacere, di essere persone di “cuore”, come dice lei, più napoletani che milanesi.
Ho letto con grande piacere le sue pagine (senza offesa, devo confessarle perlopiù nel mio bagno con la porta rigorosamente chiusa a chiave, ricordando le sue parole, per rispettare la mia intimità personale e mentale) e non posso che ringraziarla per il bene che ne ho ricevuto.
Come ho detto a sua moglie quella sera, Laura è una donna fortunata e così i suoi figli, ma ora dico che lo siamo anche noi per averla conosciuta.
Ancora grati la salutiamo con affetto

Ancora un po di foto

Album Not found

Galleria Foto

Alfio Perissinotti mi scrive..

Schermata-2015-11-02-alle-15.04.58

La classifica dei 10 Imperdibili libri di Riccardo Sepe Visconti

giovanniangeloconte_classifica

Articolo de Il Golfo – Martedì 14 Ottobre 2014

giovanniangeloconte_articolo

Articolo 2 Agosto 2012 su L’Espresso

espresso